palazzo.jpg  

20070625_consiglio_comunale.jpg
L’atto di indirizzo sulla sanità

Il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità, con 23 voti favorevoli, un atto di indirizzo del Consigliere Comunale Giovanni Pelini (Partito Socialista) che ha portato l’intera assemblea a schierarsi dalla parte del Sindaco di Arezzo Giuseppe Fanfani e a sostenere la sua battaglia politica sulla sanità aretina, dove le risorse finanziarie, organizzative e professionali siano protese a garantire una risposta congrua, efficace e sostenibile a difesa dei diritti dei cittadini nella nostra zona socio-sanitaria.
“L’atto di indirizzo – ha sostenuto Pelini – ha l’intento di condizionare i futuri contenuti del PAL (Piano attuativo locale) sanitario. Le condizioni di difficoltà socio-economiche attuali, in particolare per le fasce più deboli della nostra comunità, e quelle specifiche di Arezzo, rendono sempre più urgente superare la recente fase di inadeguata risposta ai bisogni reali della popolazione, con la continua crescita delle liste di attesa in ospedale e in molti altri servizi e l’insufficiente utilizzo delle potenzialità del nostro ospedale e di tutta la rete delle strutture accreditate operanti sinergicamente all’interno del servizio pubblico. L’auspicio è che il Sindaco svolga un ruolo fortemente attivo in questa fase di definizione del PAL e che nel momento della sua stesura le ragioni e le esigenze del Comune capoluogo siano tenute nella debita considerazione, specialmente dalla Regione Toscana che non può pensare di operare secondo la sola logica dei tagli”.
Per l’opposizione, Rossella Angiolini e Pier Luigi Rossi (FI verso il Pdl) hanno sostenuto di “considerare la votazione su questo atto di indirizzo, che da parte di Forza Italia sarà favorevole, propedeutica al Consiglio Comunale aperto sulla sanità che abbiamo chiesto e che auspichiamo di vedere all’ordine del giorno nel mese di marzo. L’atmosfera che si respira dentro gli ambienti della Asl 8, che non è sereno per il personale medico-ospedaliero, l’eccessiva burocratizzazione e centralismo regionali in materia e un pronto soccorso simile a un girone dantesco, rendono la sanità spesso un disservizio per il cittadino”.
Nella replica successiva al dibattito Giovanni Pelini ha ribadito che “l’annunciata unanimità del voto è importante perché rafforza il Sindaco in una battaglia che ha intrapreso da tempo a difesa della città e rende il Consiglio Comunale autorevole in un argomento dove resta necessario il confronto”.
Ufficio Stampa Comune di Arezzo
Consiglio Comunale 18 febbraio 2009ultima modifica: 2009-02-18T16:54:00+01:00da comitatocsm
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Post Navigation