Il Pronto Soccorso dell’Ospedale ed il silenzio dei Sindacati, dei Politici e delle Associazioni

beppe.JPG

C’era un tempo nel quale il Sindacato si poneva come portatore dei diritti dei propri iscritti e del Cittadino in particolare se Utente dei Servizi Pubblici. Bei Tempi …
C’era un tempo nel quale le Associazioni di Difesa e Tutela dei Diritti facevano sentire la loro voce in veste ed in quanto portatrici degli interessi generali degli Utenti. Bei tempi…
C’era un tempo nel quale i cosiddetti Politici erano presenti nelle dinamiche sanitarie e sociali aretine. Grandi discussioni pubbliche, Consigli Comunali aperti ai Cittadini ecc. Bei tempi…
Oggi si vive una stagione di pericolosa rassegnazione e si assiste a certi eventi come se fossero ineludibili. Resta il ricorso alla Magistratura come se essa fosse più o meno consapevolmente l’ultimo baluardo della democrazia. “Mala tempora currunt”
Ho letto nel Sito di due Comitati Cittadini un articolo dal Titolo “Benvenuti all’inferno del Pronto Soccorso”. Facendo una rapida ricerca ho constatato che tale articolo è stato pubblicato anche nel sito di Arezzo-Notizie a firma di Giuseppe R. Non vi sono state smentite né minacce di querela il che fa pensare che quanto scritto rappresenti il vero.
Il Pronto Soccorso citato è quello dell’Ospedale San Donato. Sono contenute in quell’articolo tali situazioni e tali inconcepibili livelli assistenziali (neppure degni dell’ex terzo mondo) da far rabbrividire ed incazzare anche il più mite degli esseri umani. Eppure tutto è passato sotto silenzio. Sì, “mala tempora currunt”!
Confidare sull’Assessore Rossi è sostanzialmente inutile. La Sua abilità Politica e di grande Affabulatore è inversamente proporzionale alla capacità di realizzazione delle Sue idee. Troppo impegnato ad uscire dal caos dei quattro Ospedali Regionali che (in circa dieci anni) non sono stati ancora cantierati e che sono stati in compenso oggetto di numerose cause civili e penali. Troppo impegnato nell’Area Vasta che in cinque anni non è riuscita neppure nella centralizzazione della Logistica. Troppo impegnato a Legiferare creando incredibili difficoltà organizzative e gestionali.
Confidare sul Sindaco Fanfani. In un’altra epoca sarebbe bastato, oggi è (forse)troppo isolato. Ci sono voluti sei mesi perché ottenesse un documento di sostegno nel Consiglio Comunale. Meglio che niente…
Confidare nelle OO. SS. e nelle Associazioni dei Cittadini sarebbe cosa buona anche se ad oggi… brillano per il loro silenzio imposto o voluto dire non sò. Se escludiamo i Comitati che resta?Confidare nei NAS e nella Magistratura. Confidare ne “le Iene” e “Striscia la Notizia”. Come siamo ridotti male!

Arezzo 24.02.2009 dr Giuseppe Ricci

Pronto Soccorso e Emergenza Sanitariaultima modifica: 2009-02-26T09:45:41+01:00da comitatocsm
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Post Navigation