dirprov.jpg

      Sono passate poche settimane, un mese circa, ed in casentino si respira area nuova.

Il Comitato Casentinese per la Salute in Montagna come l’anno scorso non è andato in ferie; presente e discreto ha continuato nella sua attività di controllore e promotore di salute.

E’ vero, in poche settimane, i servizi sanitari non hanno modificato in modo significativo i loro livelli di qualità e di quantità per soddisfare i bisogni dei Casentinesi; ma è vero anche che in queste settimane la sceneggiatura e qualche attore della storia infinita, sono cambiati, e la gente della valle e della provincia assistito ad eventi che fanno insorgere ed auspicare che  possano manifestarsi volontà e decisioni che possano rendere in futuro più sopportabili i bisogni quotidiani di salute.

Il CCSM si associa alla speranza affinché nasca, grazie ai nuovi elementi ed a tutti i soggetti coinvolti sensibili ai cambiamenti, il desiderio ad intraprendere un nuovo metodo di lavoro e di confronto al fine di garantire e migliorare le risposte in una valle montana, così emarginata, come il Casentino.

Una convinzione del Comitato è quella che sarà fondamentale trovare una nuova metodologia condivisa che possa aiutare ad una reale e concreta presa in carico dei problemi del territorio, dell’ospedale e del soccorso sanitario per la montagna.

Un metodo che preveda la possibilità della gente e del territorio di partecipare concretamente allo sviluppo e alla tutela di un bene comune come quello della salute, tenendo conto dei suoi bisogni e delle peculiarità, pretendendo efficienza ed efficacia, impiegando al massimo le risorse a disposizione e verificando i gradi e la soddisfazione dei cittadini.

In attesa che i nuovi attori abbiano acquisito la conoscenza e la padronanza dei rispettivi ruoli e dei loro compiti, il Direttivo del Comitato oltre all’attività di sensibilizzazione e di informazione, sta’ lavorando all’organizzazione dell’assemblea ordinaria e al suo programma.

L’incontro si svolgerà (con sede e data ancora da definire) di massima nella prime settimane di settembre. In quella sede oltre a riferire sulle attività svolte e sugli obiettivi raggiunti ed ottemperare agli obblighi statutari sarà occasione di verifica e di analisi oggettiva del protocollo sottoscritto in comunità montana nel 2006 e di proposta di stesura di un nuovo impegno per il Casentino alla luce del Piano Sanitario Regionale 2008-2010, l’Istituzione della Società della Salute e del PAL 2008-2010 della Asl8.

 

E Intanto rimangono domande in attesa di risposte …

Il nuovo che avanzaultima modifica: 2009-07-03T11:57:00+02:00da comitatocsm
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Post Navigation