UN OSSERVATORIO PER  LA  SALUTE IN MONTAGNA

 

 

imagesCAVFDTYR.jpgAlla presenza di tutte le istituzioni e dei rappresentanti del Comitato per la salute in Montagna si è riunito l’Osservatorio per Salute in Casentino, nuovo strumento per la pianificazione e proposizione delle risposte ai bisogni di salute per la Montagna.

 

Nato e richiesto dal Comitato Casentinese come elemento necessario a coinvolgere i cittadini come attori “attivi” e come riconoscimento del diritto alla “partecipazione” in materia di salute.

L’Osservatorio è stato immediatamente condiviso dalle Istituzioni, come strumento innovativo di sviluppo e di promozione.

 

Nella prima riunione svoltasi il 4 agosto 2010 tra i rappresentanti Istituzionali e il Direttivo del CCSM, il Direttore Generale della Asl8 Dr. Enrico Desideri ha sottolineato l’importanza dell’ascolto dei bisogni e del confronto direttoimagesCAY8XC1M.jpg con i cittadini.

 

E’ con il dialogo continuo nell’osservatorio che dovremmo trovare le soluzioni ai bisogni e promuovere salute, facendosi carico di analizzare le necessità del territorio per la prevenzione e le cure primarie, delle persone che soffrono di malattie croniche e neoplastiche, dei fragili e della terza età, tenendo conto anche della gestione socio sanitaria.

 

Un Ospedale che deve dare risposte all’emergenza-urgenza con personale dedicato e qualificato, con una diagnostica per immagini ed un laboratorio efficace e tempestivo, reparti di degenza appropriati ai bisogni chirurgici e per malattie, un punto nascita.

 

imagesCA0PY3V0.jpgUn sistema di soccorso 118 che deve trovare un giusto modulo operativo per essere più tempestivo ed appropriato in una realtà montana. La sperimentazione che stiamo eseguendo nei mesi di luglio e di agosto, con la presenza di un infermiere nella postazione di Stia ed un infermiere insieme al medico nella postazione di Bibbiena, dovrà dare delle indicazioni.

 

Il Presidente ed il Direttore della Società della Salute del Casentino hanno condiviso insieme al Presidente della Conferenza dei Sindaci la necessità di migliorare anche i servizi presenti nel nosocomio di vallata ottimizzando l’usufruibilità per i cittadini e le professionalità che vi lavorano (parcheggi, sert, camere mortuarie, mensa ..).imagesCA71YBO9.jpg

 

I rappresentanti del Direttivo del CCSM dall’incontro operativo hanno accolto favorevolmente e condiviso la metodologia di lavoro, gli obiettivi e le richieste esaudite dal direttore Generale. Questo, rispetto al passato, potrebbe dare un iniezione di fiducia ai cittadini, ha affermato Renato Nassini a conclusione dei lavori, e lavorando insieme si potrà   oltre a migliorare i servizi promuovere salute anche attraverso l’educazione e la formazione dei cittadini ad usufruire in modo diligente e congruo dei servizi prevedondo momenti educativi nelle scuole, nei luoghi di lavoro nelle associazioni sportive.

 

Ad Ottobre la prossima seduta dell’Osservatorio per la Salute in Montagna in Casentino.

 

  • Direttivo Comitato Casentinese per la Salute in Montagna
  • ASL8
  • SdS Casentino
  • Presidente Conferenza dei Sindaci del Casentino

 

 

 

CIMG3154.JPGDall’impegno e dalla Volontà di Massimo Ceccherini e del Comitato per la Salute in Montagna si riunirà per la prima volta dalla sua condivisione l’Osservatorio per la Salute in Montagna.

 

La nascita dell’Osservatorio testimonia che l’Azienda Sanitaria Locale, la Società della Salute, le Istituzioni Regionali e Locali, la Conferenza dei Sindaci condividono con il Comitato e i Cittadini che la prima cosa da valutare per una corretta programmazione dell’assistenza e conoscere i bisogni. (foto: il compianto M. Ceccherini e il Direttore Asl Dr. E.Desideri sottoscrivono gli obiettivi dell’Osservatorio per la Salute – Poppi )

 

In preparazione della prima riunione che si svolgerà il 4 agosto 2010, il direttivo del CCSM si è riunito a Poppi per analizzare lo Stato della salute in Casentino e condividere iniziative da portare all’attenzione, valutando le priorità, confermando che sarà presente all’incontro una rappresentanza del direttivo.

 

L’Osservatorio, una esperienza Casentinese, che molti hanno indicato come esempio da esportare di partecipazione dei cittadini alla programmazione, alla esecuzione e alla verifica delle risposte erogate in servizi, sarà occasione per verificare direttamente con gli attori a tutti i livelli dello stato di salute della Sanità in Montagna.

 

Dal Convegno di Poppi ( marzo 2010 ), sono state evidenziate molte problematiche a livello territoriale, ospedaliero e dell’emergenza-urgenza che devono e dovranno essere affrontate. Dalla prevenzione alle cure primarie (medicina d’iniziativa), dall’elisoccorso e auto medica per il 118 al pronto soccorso con personale dedicato e osservazione, dalla chirurgia generale al servizio di endoscopia, dalla medicina ospedaliera e rianimazione alle cure a media intensità.

 

Il Direttivo del Comitato per la Salute pensa e crede che questa responsabilità di promuovere e condividere l’esperienza di un Osservatorio sia condivisa nell’idea e nei principi dal Direttore Generale della Asl8 di Arezzo Dr. E. Desideri al Presidente della Conferenza dei Sindaci D. Bernardini, dal Presidente della S.d.S F.Pistolesi al Direttore S.d.S. Dr. C. Montani, al Presidente della Comunità Montana.

 

Quello che si aspettano i Cittadini del Casentino dall’Osservatorio è di farsi carico dei bisogni della vallata. Trovare un metodo di lavoro basato sull’ascolto e la collaborazione, dove la “Partecipazione” contribuisca a trovare modalità più idonee a ricercare, elaborare, progettare, attuare e verificare i servizi erogati per una reale offerta di salute. Ad informare e comunicare. Ad unire tutti gli attori,  Istituzioni e Cittadini, insieme per un comune obiettivo. La Salute.

 

Direttivo C.C.S.M.