UNA BUONA SANITA’ PER UNA SALUTE MIGLIORE

Si è riunito il 5 novembre 2010 a Poppi presso la Comunità Montana l’Osservatorio per la Salute in Montagna, organismo per la promozione della salute in Casentino.

Il Comitato Casentinese per la Salute in Montagna, promotore, ha discusso con i componenti dell’Osservatorio sullo stato per la salvaguardia dei servizi e delle iniziative intraprese fin dal primo incontro avvenuto nell’agosto ad Arezzo.                                                                        cronic care model.jpg

Alla riunione è stato presentato dal Direttore S.d.S Casentino Carlo Montaini ed ha preso parte il nuovo Responsabile Sanitario del territorio Dr Marcello Grifagni, medico di medicina generale, che come ha spiegato il Dr. Carlo Montaini Direttore della S.d.S svolgerà il ruolo di interlocutore con i servizi primari del territorio con incarico di gestire direttamente l’organizzazione della medicina d’ iniziativa (Cronic Care Model), nuovo metodo di gestione delle malattie croniche (diabete, scompenso cardiaco,..)

118%205.jpgDi fronte al Presidente della Conferenza dei Sindaci D. Bernardini ed al Presidente della S.d.S F.Pistolesi, il dr. Massimo Mandò, direttore della centrale 118, ha presentato i dati sulla sperimentazione che ha visto nei mesi estivi il potenziamento del soccorso sanitario, con la presenza di un ambulanza 24 ore a Stia con infermiere e nella postazione di Bibbiena, medico ed infermiere, a formare l’equipe di soccorso avanzato. L’analisi ha dato complessivamente risultati soddisfacenti. Il dirigente aziendale ha affermato che il modello sperimentato, rivisitato, dovrebbe essere garantito tutto l’anno, in quanto “afferma”, oggi è necessario garantire alle persone che vivono e lavorano in Casentino (zona remota e montana), tempi certi di soccorso che non possono superare i venti minuti.

Il Direttore Generale Dr. E. Desideri ha manifestato la volontà che anche in Casentino cosi come nelle altre zone della provincia si possa garantire una continuità di servizio e risposte proporzionate alle richieste di soccorso e quei livelli di assistenza necessari per l’emergenza con assistenza adeguata fino al ricovero. Per garantire questi livelli sarà necessario un serio e costruttivo confronto con il “mondo del volontariato” che sia per il soccorso, sia per trasporto di pazienti “non a rischio” sono soggetto indispensabile.

empoli_simulazione_118_2009_03_03_4.jpgRenato Nassini a nome del Comitato Casentinese ha ringraziato il Direttore dell’Asl dell’opportunità della sperimentazione ed ha auspicato “.. che i dati raccolti permettano di formulare una riorganizzazione di sistema 118 che preveda al vertice del servizio a fianco del personale del volontariato un medico ed un infermiere in una rete di trasporto sanitario che possa dare risposte nei tempi previsti e di qualità alla gente che ne fà richiesta ..” Il Sindaco D.Bernardini ha affermato che si possa trovare per il Casentino un sistema equilibrato fra i bisogni del soccorso, la sostenibilità, la continuità e l’efficacia del risposte auspicando un evoluzione del servizio calato in una organizzazione a rete a garanzia del territorio e dell’ospedale di vallata.

Proposta ed esaminata la necessità di eseguire una valutazione, dopo raccolta di dati, per una nuova riformulazione dei servizi sociali per la terza età , gli emarginati e i fragili. Lo studio sarà eseguito dall’Azienda Sanitaria in collaborazione della S.d.S del Casentino con il contributo della Presidenza della Conferenza dei Sindaci e del Comitato.

media intensità.jpgNella seduta sono state proposte ed affrontate le problematiche ospedaliere in particolar modo al servizio di endoscopia per l’imminente pensionamento del Dr I. Milli con richiesta del mantenimento dei livelli prestazionali, del servizio di Radiologia per cronica carenza del personale tecnico e medico, della necessità di realizzare nel Presidio di Zona posti letto ha garanzia di cure a media intensità.

Tutti i presenti sensibilizzati dalle notizie di cronaca nazionale e regionale hanno convenuto sulla assoluta necessità di tutelare il “punto nascita” di Bibbiena. Nassini ha affermato “ . abbiamo fatto le barricate e fiaccolate contro la chiusura .. siamo pronti e convinti che se sarà necessario lo rifaremo …”.

Per L’osservatorio prossima riunione GENNAIO 2011.

CCSM

A POPPI SI RIUNISCE L’OSSERVATORIO PER LA SALUTE IN MONTAGNA:ultima modifica: 2010-11-06T17:11:00+01:00da comitatocsm
Reposta per primo quest’articolo

One Thought on “A POPPI SI RIUNISCE L’OSSERVATORIO PER LA SALUTE IN MONTAGNA:

  1. MI SPIACE ANCORA UNA VOLTA DI DOVER FARE IL SOLITO BASTIAN CONTRARIO, MA NON SE NE PUO’ FARE A MENO. POSSO ANCORA CONDIVIDERE ALCUNE RIFLESSIONI FATTE SUL MIGLIORAMENTO DEL SERVIZIO 118 GRAZIE ALL’INSERIMENTO DI INFERMIERI, MA PER IL RESTO COSA E’ CAMBIATO O COSA SI INTENDE CAMBIARE? NIENTE, VISTO CHE SI FA L’APOTEOSI DELLA POSTAZIONE DI STIA, CHE SI VORREBBE ANNUALE CON L’INFERMIERE, MA CHE ABBIAMO IN DIVERSI PIU’ VOLTE CONSIDERATA E INDICATA COME ASSURDA, COME LO ERA, RICORDIAMOLO, LA PIAZZOLA DELL’ELISOCCORSO. NON SI PUO’ AFFERMARE CHE QUESTO E’ UN’INCREMENTO AL SERVIZIO: QUESTO E’ SOLO UNA COPERTURA MINIMALE DELLA PARTE ALTA DELLA VALLATA, MI SI VUOL SPIEGARE QUALE BENEFICIO PUO’ ESSERCI DA POPPI IN GIU’? OLTRE A QUESTO LA MIA OPINIONE E’ CHE SI VUOLE METTERE, COME E’ GIA’ AVVENUTO IN ALTRE PARTI, TUTTO IL PESO DEL SERVIZIO SULLE SPALLE DI QUELLO CHE ANCORA SI DEFINISCE VOLONTARIATO MA CHE, PROPRIO PER QUESTA ASSURDA PRETESA, E’ DIVENTATO ORAMAI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE COOPERATIVE DI LAVORO, CON PERSONALE PAGATO, ALTRIMENTI, ED E’ LOGICO, NON E’ POSSIBILE GARANTIRE TRE, QUATTRO O CINQUE AMBULANZE IN STAND-BY COME AVVIENE. E QUESTO E’, SE ANCORA NON CE NE RENDIAMO CONTO,LA MORTE DEL VERO VOLONTARIATO, QUELLO CHE OPERA SOLAMENTE ED ESCLUSIVAMENTE PER RISPETTO ED AIUTO DEL PROSSIMO. SE SI VUOLE DARE A CHI NE FA MOTIVO DI LAVORO QUESTO SERVIZIO, FATELO PURE, MA IN MANIERA CHIARA, ALLA LUCE DEL SOLE, NON NELLA MANIERA SUBDOLA E MESCHINA CON CUI SI E’ OPERATO FINO A QUESTO MOMENTO. RICORDIAMOCI TUTTI PERO’ CHE QUESTO COMPORTA UNA SICURA DILATAZIONE DEI COSTI, ED E’ NELLA LOGICA DELLE COSE. COME PUO’ MAI UNA QUALSIASI ASSOCIAZIONE ACQUISTARE MEZZI CHE COSTANO INTORNO AI 100.000,00 EURO, AFFRONTARE TUTTI I COSTI CORRENTI, ASSICURAZIONI, MANUTENZIONI, VESTIARIO E QUANTO ALTRO CON I RIMBORSI ATTUALI, E’ IMPENSABILE. INFINE, ED E’ ANCHE QUESTO MOLTO IMPORTANTE, CHE FINE HA FATTO LA POSSIBILITA’ DI CAMBIARE TOTALMENTE IL SERVIZIO CON QUELLA AUTOMEDICA CHE GIA’ IN MOLTE REALTA’ SIMILI ALLA NOSTRA HA DIMOSTRATO TUTTA LA SUA EFFICENZA? CERTAMENTE, QUANDO NON SI VUOLE UNA COSA, IL SISTEMA MIGLIORE E’ IGNORARLA, COME IN QUESTO CASO. SEGUITIAMO PURE IN QUESTO MODO, A MIO AVVISO NON ANDREMO LONTANO, ANZI, SIAMO GIA’ ALLA FINE

Lascia un commento

Post Navigation