mattesini_donella4_360_235.jpgInterrogazione di Donella Mattesini al Ministro della Salute

L’attenzione delle popolazioni ai punti nascita è ovviamente fortissima. Ho quindi chiesto al Ministro della salute se non reputa essenziale e doveroso salvare quelle realtà ad alta specificità territoriale ed elevata professionalità. E quindi  garantire  a tutte quelle persone che scelgono di nascere, crescere e vivere in montagna o in territori non vicini a grandi arterie di viabilità e comunicazione, pari diritti di accesso alle strutture sanitarie, così come previsto dalla Costituzione. E questo salvaguardando quelle realtà ospedaliere che, pur registrando meno di 500 parti all’anno, sono ben funzionanti ed assicurano alla cittadinanza un servizio di qualità”.
La Toscana ha già ottemperato all’ottimizzazione dei plessi ospedalieri e proprio sulla base della razionalizzazione compiuta,  ha derogato al limite dei 500 parti all’anno per i punti nascita come quello di Bibbiena con i suoi 350 annuali conferma la qualità del servizio reso. Basta citare l’aumento costante delle nascite, l’assenza di casi di morte nel corso dell’anno (escluse quelle in utero), la rianimazione notturna, il parto in analgesia, un’attenzione particolare all’umanizzazione dell’assistenza alla nascita, la promozione dell’allattamento al seno.  La qualità è confermata anche dall’alto numero di donne, provenienti da  altre zone della provincia, che scelgono il punto nascita di Bibbiena.
La sua eventuale chiusura non troverebbe una soluzione alternativa adeguata. La particolare conformazione territoriale del Casentino renderebbe necessari tempi lunghi per organizzare un servizio di emergenza-urgenza territoriale in grado di intervenire con perizia e mezzi adeguati a sostegno delle madri e dei neonati.  Inoltre sarebbero necessari adeguamenti delle strutture verso le quali finirebbero per essere indirizzate le quasi quattrocento partorienti casentinesi

Giovedì 25 Novembre 2010 – Donella Mattesini
Arezzonotizie

Bibbiena, un punto nascita da difendereultima modifica: 2010-11-27T15:55:05+01:00da comitatocsm
Reposta per primo quest’articolo

One Thought on “Bibbiena, un punto nascita da difendere

  1. Ringraziamo L’Onorevole Donella Mattesini per la presa di posizione in merito al Punto Nascita del Casentino.
    In questo periodo non roseo dove gli unici verbi che vanno di moda sono: Risparmiare e Tagliare, ci sembra appropriato aggiungere il verbo pronunciato da Donella Riflettere; e aggiungeremmo Razionalizzare.
    Sarebbe un delitto chiudere senza riflettere un punto nascita funzionante, gradito e indispensabile per una zona Montana, disagiata con tutti i problemi annessi e annosi a questa realtà ben conosciuta a livello Regionale.
    L’unica cosa che ci auguriamo che in seno al P.D. Regionale, Provinciale e Casentinese, si parli una sola lingua e non ci si presti a giochi irresponsabili;
    giocando su più tavoli e parlando lingue diverse, illudendo la popolazione, le donne e gli operatori sanitari.

    Come componente del Comitato ringrazio personalmente L’Onorevole Matesini per l?encomiabile enunciazione, augurandomi che funga da catena di distribuzione al fine di mantenere, Proteggere e potenziare il Punto Nascita di Bibbiena che oltre a funzionare bene ottiene il gradimento non solo delle donne Casentinesi ma attrae consensi anche fuori dai confini del Casentino.

    Valerio Bobini

Lascia un commento

Post Navigation